lunedì 23 ottobre 2017

In libreria il saggio di Girolamo Rotolo “La funzione del cibo come strumento di relazione interculturale”, Edizioni La Zisa, pp. 96, euro 9,90 (Isbn 978-88-99113-76-6)





L’indagine antropologica sul cibo nelle diverse culture fornisce una ulteriore chiave interpretativa dei consumi alimentari, quali pratiche di senso culturale, e assurge a importante prospettiva di studio sulle culture degli immigrati. Nell’ottica di una ricerca sulle pratiche interculturali connesse all’educazione, il cibo costituisce un nodo di riflessione fondamentale sui possibili parametri e canali di comunicazione, sulla scorta anche delle analisi interpretative che l’Autore considera a partire dai classici dell’antropologia come Il crudo e il cotto di Claude Lévi-Strauss, fino alle teorie contemporanee di Franco Cambi.

Girolamo Rotolo è dal 2006 dottore in Scienze dell’Educazione, indirizzo Educatore Professionale, presso l’Università degli Studi di Palermo e docente di Scienze Umane e Tecniche di Comunicazione e Relazione Professionale Aziendale presso varie scuole e associazioni pubbliche e private. Componente della Commissione Istruzione e Formazione, beni culturali e servizi librari dell’Uici di Palermo, è autore di alcuni articoli, già pubblicati con la testata giornalistica dell’Uici, che si occupa della vita dei non vedenti e ipovedenti, come Le Donne Cieche e il loro make-up (2016), Inclusione di Qualità (2016) e La condizione degli anziani nella società odierna (2017).

A breve in libreria la silloge di Salvatore Bordino , Fantastiche passioni”, Edizioni La Zisa, pp. 64, euro 9,90 (978-88-99113-72-8)



«L’amore, la passione, la speranza, l’attesa e il tempo si compongono e si scompongono in un minuzioso gioco di parti dove magistralmente l’autore dipinge la tela della vita. La poesia è un sogno, un desiderio che non trovando le condizioni per realizzarsi chiama in causa indirettamente la coscienza, e così, se da una parte rappresenta la realtà nei suoi aspetti a volte anche più dolorosi, dall’altra rimanda a immagini e pensieri del come dovrebbe essere. […] Le liriche di Salvatore Bordino possiedono tutti i tratti peculiari della grande poesia e anche se in essa non vengono scanditi i canoni della metrica ritroviamo sempre una regola che ne coglie la particolare ricchezza espressiva, costituita dal sogno.» (dalla Prefazione di Maria Palma)



Salvatore Bordino (Palma di Montechiaro, 1950) ha conseguito il diploma di maturità scientifica ad Agrigento. Esercita l’attività di educatore con amore e convinzione e ha lavorato per tre anni a Torino, dove ha avuto modo di apprezzare momenti formativi che l’hanno portato a intuire il valore delle nostre radici. Attualmente lavora presso l’Educandato Statale “Maria Adelaide” di Palermo. Ama scrivere e leggere molto perché trova nella scrittura e soprattutto nella poesia la forza evocativa che permette di entrare nella sfera delle emozioni.


Arriva in libreria il romanzo di Fabrizio Vasile “Il destino di Nidia”, prefazione di Beatrice Agnello, Edizioni La Zisa, pp. 80, euro 12,00 (Isbn 978-88-99113-74-2)




Palermo nella morsa del colera e tra le braccia della Santuzza, passione e devozione testimoniate anche da una targa commemorativa, misteriosamente sfregiata. Quando l’Autore si imbatte in questo documento davanti al quale sfrecciano i passanti e il traffico prosegue indolente, comprende che ha il dovere di narrare una storia importante legata a una delle vicende più dolorose della sua città.
«Chissà in quanti ci saremo passati davanti senza dedicarle più di una frettolosa occhiata, o forse neppure quella. Fabrizio Vasile invece, abituato, come chi ama scrivere, a interrogare i dettagli tirandone fuori ipotesi di storie, inventa sulla base di quella piccola traccia reale un racconto che mescola veri documenti su quell’epidemia di colera e sulla Palermo di allora all’invenzione, con cui dà vita a un giallo […]» (dalla Prefazione di Beatrice Agnello)

Fabrizio Vasile è nato a Palermo il 27 agosto 1953. Chimico, ha lavorato come tecnico nel campo della tutela dell’ambiente e delle energie rinnovabili dal 1982 al 2015. Negli ultimi quindici anni ha partecipato a laboratori di scrittura e ad altre attività culturali con diverse associazioni e promuove reading letterari
radiofonici. Ha pubblicato alcuni racconti brevi sulla rivista Margini e nelle raccolte Guerre (ed. La Luna, 2003) e La Spranga (ed. Pontegobbo, 2007). Del 2011 è la sua raccolta di racconti dal titolo Smettere di fumare, pubblicata per i tipi della casa editrice Robin, che comprende dodici racconti scritti tra il 2003 e il 2009.

In libreria: Angelo Sferrazza, “L’angelo di fuoco. Poesie”, Edizioni la zisa, pp. 64, euro 9,90 (Isbn 978-88-9911-378-0)




La nascita, la vita e la morte sono le tre tappe di un essere umano; ma cosa lega in maniera indissolubile questi tre elementi? La risposta è qualcosa di indefinito che sta tra la realtà e l’immaginazione, qualcosa che non ha uno scopo e non può essere classificato o spiegato scientificamente. Mette in stretta relazione i nostri cuori e la nostra mente sino alle profondità dell’anima. Il passo tra la realtà e l’immaginazione è più sottile di un filo di cotone, facile da toccare più di quanto si pensi, se la società non mettesse nella nostra testa tutte quelle cose di poca utilità che ci circondano e ci allontanano da questo filo, e non solo: ci distolgono dalle cose importanti che potrebbero dare un senso alla nostra esistenza. Senza di esse risulterebbe monotona e frivola. Ecco che l’uomo si rifugia nelle passioni che lo avvicinano a questo confine, affrontando la vita un po’ più sereno, e le passioni non sono altro che l’amore per qualcosa o per qualcuno.

Angelo Sferrazza è nato a Palermo nel 1988 dove vive ancora oggi. Dopo aver conseguito il diploma di maturità a indirizzo tecnico, inizia a coltivare la passione per la musica e per la letteratura, in particolare per la poesia, fino a coronare il sogno di pubblicare la sua prima raccolta di liriche.

martedì 17 ottobre 2017

Le Edizioni La Zisa sbarcano a Malta! Siglato accordo con la catena di librerie Book Distributors Limited



Cresce la rete di distribuzione dei titoli della casa editrice La Zisa di Palermo, che abbraccia capillarmente già Italia e Svizzera, oltre a numerosi altri Paesi attraverso la rete di Amazon. Infatti, grazie all’accordo, appena siglato, con la prestigiosa catena di librerie e di distribuzione Book Distributors Limited, presenti anche online col portale www.bdlbooks.com, le pubblicazioni delle Edizioni La Zisa saranno disponibili pure sul territorio maltese.
“Secondo gli ultimi dati disponibili, ben l’86% dei maltesi parla l’italiano – spiega il direttore editoriale Davide Romano – e la nostra lingua è studiata sempre di più anche nelle scuole. Inoltre, forse non tutti sanno che è stata anche la lingua ufficiale del piccolo arcipelago fino al 1934”.
“Grazie alla televisione – aggiunge -, i maltesi ricevono praticamente tutti i canali tv italiani e siciliani e soprattutto tra i giovani si sta riscoprendo l'uso del nostro idioma. Per questi motivi, la richiesta di pubblicazioni in italiano si sta sempre più diffondendo e a questa esigenza intendiamo rispondere con l’accordo appena siglato che ci darà la possibilità di fornire ai maltesi un ampio catalogo delle nostre pubblicazioni, senza dimenticare i più di 30mila italiani, quasi il 10% della popolazione, che ormai risiedono lì stabilmente”.
“Il prossimo passo – conclude Romano – sarà la creazione di una collana dedicata alla letteratura maltese. Progetto al quale stiamo già concretamente lavorando”.